Ciclone Febbraio 2022-Progetto Sarah onlus

Ciclone Febbraio 2022

Lettera di Padre Emerik alla FAO :
Noi del distretto di Vohipeno siamo stati duramente colpiti dal ciclone nella notte tra sabato e domenica.
I venti molto violenti e l'enorme alluvione che ne è seguita hanno causato gravissimi danni, in particolare all'agricoltura e quindi in termini di cibo per le popolazioni nei prossimi mesi.
Già indebolite dallo scarso raccolto di Vary Hosy 2021 a causa della siccità, le popolazioni sono ora interessate dalla distruzione delle proprie risorse alimentari di origine agricola per i mesi successivi:
Gli alberi del pane sono quasi tutti distrutti ed è probabile che i pochi frutti rimasti cadano nei prossimi giorni.
- Quasi tutti i banani, che sono stati rotti e spazzati via,non produrranno nulla per 5 o 6 mesi.
- Lo stesso vale per gli alberi di papaia.
- Quasi tutta la manioca è stata distrutta dall'acqua e dal vento,
- Gli alberi di avocado, molto numerosi nel comprensorio, sono stati gravemente danneggiati dal vento e l'acqua ei loro frutti sono andati quasi tutti perduti.
- Anche l'orticoltura, attualmente piuttosto rara, è stata distrutta.
- Gli aranci e le piante del caffè, sebbene fortemente scossi dal vento, hanno resistito; ma sapremo solo tra una decina di giorni se daranno frutto o no quest'anno.
- Le risaie di Vato Mandry, appena trapiantate (perché le piogge non sono arrivate, dopo una lunga siccità, fino alla fine di dicembre), sono in gran parte perse sotto l'alluvione.
Anche le riserve di semi di riso a ciclo breve degli agricoltori sono in gran parte perse perché avevano già seminato i semi, che sono stati distrutti dall'acqua. Insomma tutto ciò che costituisce la base dell'alimentazione durante la stagione magra da febbraio a maggio e che avrebbe dovuto permettere alle popolazioni di vivere è, di colpo, quasi del tutto scomparso e, inoltre, la raccolta del riso a maggio/giugno è attualmente compromesso.

Profondamente preoccupato per la situazione alimentare delle popolazioni del nostro distretto, ho appena incontrato il sig. Hoby, direttore della scuola agraria di Fihaonana de Vohipeno, e ci sembra che la situazione attuale sia critica e che siamo vicino alla fame. Per questo riteniamo urgente intraprendere una grande operazione di recupero agricolo, rapida ed efficace, in tutto il distretto di Vohipeno, per ripristinare la situazione alimentare, come abbiamo già fatto insieme…
Vengo a chiedervi se la FAO è d'accordo a partecipare al nostro progetto di rilancio agricolo nel distretto di Vohipeno donandoci semi di riso a ciclo corto, mais e patata dolce, e quanto.
Nel 2017 abbiamo lavorato con 15.000 famiglie colpite dalla siccità. Ma quest'anno, data la gravità della crisi incombente, potremmo lavorare con 20.000 famiglie. L'obiettivo è avere 80 tonnellate di semi di riso da distribuire e 20 tonnellate di semi di mais e 30 tonnellate di semi di patata dolce Bora.
Père Emeric Amyot d’Inville Directeur du Foyer de Tanjomoha à Vohipeno
Facebook
Email